1

dermatologo

NOVARA -16-05-2019 - La prevenzione

è la prima arma per rendere più curabile il melanoma, oggi al centro di un percorso diagnostico-terapeutico istituito presso la ‘Melanoma Unit’ dell’Ospedale Maggiore della Carità di Novara. Nata dalla collaborazione delle Strutture universitarie di Dermatologia e Oncologia, l’unità intende essere un punto di riferimento per il Piemonte Orientale e tutta l’area del Quadrante - Novara, Vercelli, Verbano-Cusio-Ossola, Biella – rispondendo a una necessità clinica territoriale. In quest’area, infatti, l’incidenza di melanoma è particolarmente elevata anche a causa di una elevata frequenza di mutazioni genetiche, Ogni anno, solo all’Ospedale di Novara, si registrano in media 100 nuovi casi di melanoma (stesso numero rilevato anche a Biella), pari a 27-30 ogni 100 mila abitanti, con tassi raddoppiati negli ultimi 10 anni. Il picco di incidenza maggiore si rileva nella fascia di età fra i 40 e 60 anni, soprattutto fra le donne, sebbene siano in aumento le diagnosi in età più giovanile. La “Melanoma Unit” di Novara, centro di alta specializzazione e professionalità con un approccio multidisciplinare alla malattia, si distingue per due valori aggiunti: in primo luogo l’offerta di protocolli di cura innovativi - da nuovi farmaci sperimentali, alla target therapy, fino all’immunoterapia, oggi impiegate anche nel setting adiuvante e non più soltanto in quello metastatico - permettendo un cambiamento di prospettiva radicale nella qualità di vita e nella possibilità di sopravvivenza del paziente. Dall’altro la condivisione dei programmi terapeutici fra tutte strutture del Quadrante a vantaggio di una maggiore ‘sicurezza’ e migliore assistenza al paziente che, indipendentemente dalla città di residenza e dell’ospedale in carico, potrà essere sottoposto alla cura più efficace possibile, funzionale alla tipologia del melanoma, senza necessità di un ‘turismo’ sanitario verso una struttura diversa da quella più prossima al proprio domicilio. Queste e altre novità, saranno discusse domani, venerdì 17 maggio, a Novara, in occasione del “Melanoma Day”, dedicato a formare medici sempre più pronti e preparati a rispondere con competenza e efficacia alla malattia.