1

ex ratti

LUINO – 21.09.2019 – È affidato all’autopsia

il compito di risalire all’identità della persona il cui cadavere è stato trovato ieri mattina al piano terra dell’ex stabilimento Ratti di Luino, abbandonato da anni. Ad allertare la polizia di frontiera di Luino sono stati i residenti della zona, preoccupati dal forte odore proveniente dall’edificio, percepibile in un tratto in cui scorre, all’esterno, la pista ciclabile che collega a Germignaga. Odore che il successivo sopralluogo ha confermato riconducibile alla presenza del corpo in stato di decomposizione. Sul posto è intervenuta la Scientifica, che ha effettuato i rilievi. In quella stessa zona, a inizio mese, era scomparso un 69enne che, uscito di casa poco distante dalla vecchia fabbrica, non aveva più fatto ritorno a casa. Allo stato attuale è impossibile stabilire se si tratti della stessa persona. L’esame autoptico dovrà stabilirne l’identità, oltre che la causa del decesso.