1

cim novara

NOVARA  - 08-11-2019 - L’assessore regionale ai Trasporti e alle infrastrutture Marco Gabusi e il Sindaco di Novara Alessandro Canelli hanno incontrato, a Roma, l’Amministratore delegato di RFI Maurizio Gentile. Un incontro produttivo, come lo hanno definito gli amministratori piemontesi, sia per la Regione che per il Comune.  L’uscita di Regione e Comune di Novara dalle quote societarie di Cim non ha compromesso la strategicità dell’interporto novarese in relazione al sistema di trasporti regionale, specie alla luce della manifesta volontà del nuovo socio di maggioranza – Hupac - di investire e sviluppare ulteriormente il Centro intermodale.
 
L’AD di Rfi ha inoltre rassicurato l’assessore Gabusi e il sindaco Canelli sull’avanzamento delle progettualità e degli investimenti sulle infrastrutture.
 
In particolare, Gentile ha evidenziato come stia avanzando celermente la progettazione con successiva realizzazione del Parco Ferroviario interno al Boschetto; RFI procederà anche nell’obiettivo di rafforzamento dell’autostrada viaggiante con spostamento del terminale in un ambito più funzionale. Di conseguenza, è prevista la riqualificazione dei fasci ferroviari di proprietà di RFI con la realizzazione di binari di lunghezza 750 metri, idonei alla movimentazione dei treni di nuova generazione. Infine RFI ha ribadito l’importanza per la città di Novara di avere opere stradali che vadano a compensare i lavori previsti e per un approccio più razionale alla viabilità locale, specie tra corso Risorgimento e corso della Vittoria, passando per la zona di Veveri che sarà interessata dall’attraversamento del varco ferroviario.

“Non possiamo che esprimere soddisfazione per l’esito dell’incontro - commenta il Sindaco di Novara Canelli - RFI ci ha dato rassicurazioni sia sul fronte infrastrutturale che sulla strategia riservata alla progettualità legata al nostro interporto. Novara gioca in tale contesto un ruolo centrale in un panorama di crescita strutturale garantita e confermata da RFI”.

“Lo scalo merci è confermato da accordo di programma - ha sottolineato l’assessore Gabusi - e le indicazioni di RFI sono in linea con le nostre aspettative e le necessità del territorio. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto e esprimiamo fiducia per il rispetto dei tempi e delle caratteristiche progettuali. Non vediamo intoppi per una realizzazione rapida e proficua per lo sviluppo di un intero territorio”.