1

divisionismo

NOVARA – 09-11-2019 – Il Castello di Novara

ospiterà “Divisionismo. La rivoluzione della luce”, che ha l’ambizione di essere la più importante mostra dedicata a questo movimento artistico realizzata negli ultimi anni. Sarà visibile dal 23 novembre sino al 5 aprile 2020 ed è promossa e organizzata dal Comune di Novara, dalla Fondazione Castello Visconteo e dall’associazione Mets Percorsi d’arte, in collaborazione con Atl Novara, con i patrocini di Commissione europea e Provincia di Novara, il sostegno di Banco BPM (Main Sponsor), Regione Piemonte, Fondazione CRT e Esseco s.r.l.

L’esposizione è curata dalla nota studiosa Annie-Paule Quinsac, tra i primi storici dell’arte ad essersi dedicata al Divisionismo sul finire degli anni ’60. Sarà incentrata sul Divisionismo lombardo-piemontese, area dove maggiormente si è sviluppato il movimento, nato sulla stessa premessa del Pointillisme francese, cioè che lo studio dei trattati d’ottica debba determinare la tecnica del pittore moderno. Ordinata in otto sezioni tematiche, l’esposizione consta di quasi settanta opere, tutte di grande qualità, provenienti da importanti musei e istituzioni pubbliche e da collezioni private. Tele dei più noti divisionisti italiani come Giovanni Segantini, Angelo Morbelli, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Gaetano Previati, Carlo Fornara, Emilio Longoni e Plinio Nomellini.