1

polizia locale schiena municipale

NOVARA - 21-02-2020-- Sanzioni e daspo urbano

per due venditori abusivi di calze in città, mentre un'altra persona è stata sanzionata perchè fingeva di rappresentare un'associazione inesistente raccogliendo offerte. Mercoledì pomeriggio la Polizia Locale di Novara, a seguito di diverse telefonate di cittadini pervenute al Comando, è intervenuta in centro dove erano segnalati questi venditori.  In via Rosselli, è stato sanzionato un giovane italiano per la violazione dell'articolo 11 del Regolamento di Polizia Urbana e gli è stato applicato il cosiddetto daspo urbano. Poco dopo, in corso Italia, un altro italiano,  è stato sorpreso mentre con insistenza offriva la propria merce ai passanti. E’ stato sanzionato per il reato di vendita abusiva; anche a quest’ultimo è stato applicato il daspo urbano. La merce, circa una ventina di paia di calze, è stata sequestrata. I due giovani sono risultati pregiudicati, così come è emerso dagli accertamenti effettuati. Sempre in centro, tra via Rosselli e via Prina, gli agenti del Nucleo di Polizia Annonaria hanno rintracciato una persona che, fingendo di rappresentare un’associazione, consegnava dei materiali ai passanti, chiedendo delle offerte in denaro. In realtà, l’associazione non esisteva. Gli agenti l’hanno identificato e sanzionato.

“Sono giunte al comando diverse segnalazione da parte di cittadini infastiditi da questi ragazzi che, con fastidiosa insistenza, cercavano di vendere la loro merce ai passanti – spiega l’assessore alla Sicurezza del Comune di Novara Luca Piantanida – Un atteggiamento che ha suscitato preoccupazione tale da segnalare alla Polizia Locale quanto stava accadendo in centro. L’intervento è stato immediato finalizzato alla tutela dei Novaresi, ma anche dei commercianti che operano in città in modo regolare e con le necessarie autorizzazioni. Purtroppo succede anche spesso che qualcuno si spacci volontario di qualche associazione, in realtà inesistente, per recuperare denaro dai passanti: il consiglio della Polizia locale è di prestare attenzione e, nel dubbio, allertare le forze dell’ordine”.